Dock USB per hard disk

sata_hdd_stage_rack_img_1858.JPG

Il perfetto connubio tra un cassetto estraibile e un rack usb per hard disk.

Finalmente qualcuno ci ha pensato. Non so da quanto aspettavo una cosa del genere, avendo una decina di HD da 1 a 120 Gb che mi girano per la scrivania in attesa di un cassetto estraibile o di un box usb.sata_hdd_stage_rack_img_1892.JPG

Le immagini e la notizia le ho prese da Akihabaranews, che riporta anche un video del funzionamento (niente di speciale, ma giusto per gradire…) e soprattutto annuncia che il dispositivo e` disponibile sul loro shop online: geekstuff4u.com. L’unico problema rimasto è che questo gioiellino supporta solo HD SATA, e naturalmente io ho solo HD PATA…

Asus Eee e Nokia N810

Due notizione oggi a rallegrarmi/rattristarmi la vita.

La prima riguarda l’Asus Eee, il mini-UMPC della casa taiwanese. Ne avevo già parlato in un altro post, ma oggi sono stati annunciati i prezzi. La versione “grossa” (con 1 Gb di RAM e 8 Gb di flash) costerà 399$, circa 280 euro al cambio attuale. CPU Celeron a 900 MHz, wifi, webcam, e naturalmente S.O. linux-based. La minima (256 Mb di RAM, 2 Gb di flash e niente webcam) costerà 299 $. Per la differenza di prezzo io non avrei (e non ho) dubbi: prender(ei|ò) la grossa.

L’altra riguarda l’annuncio del Nokia N810 che, a dispetto del produttore, non è un cellulare, ma un Internet Tablet. Novità di questa versione rispetto alla vecchia sono la tastiera full-QWERTY a scomparsa, il GPS integrato, 2 Gb di flash interna (erano 256 Mb). Anche la RAM è aumentata, ma non si sa di quanto. La versione precedente aveva 128 Mb, questa probabilmente 256.  Rimane il Bluetooth, ma non c’è il WiMax. Se non avessi già lo Zaurus che mi fa lo stesso servizio, un pensierino ce lo farei. Magari anche sul fratello minore N800, che con l’occasione è sceso a 245 euro. Questa nuova versione invece costa 480 $, circa 340 euro, se arrivasse in Italia col cambio giusto. Più probabilmente costerà 480 euro.

PHP5: convertire gli errori in eccezioni

In PHP5 sono state introdotte le eccezioni. Perché continuare a ricevere errori e warning spesso ambigui?

Molto interessante il primo commento di questo post (che linka un post sul blog di Alex Netkachov) che spiega come convertire tutti gli errori di PHP (almeno versione 5) in eccezioni:

function errorHandler($errno, $errstr, $errfile, $errline) {
	throw new Exception($errstr, $errno);
}
set_error_handler('errorHandler');

In questo modo si ottiene anche un utile backtrace negli errori, in modo da scoprire, per esempio, dove è stata chiamata la funzione che ha generato l’errore, e i parametri passati.

Linux mobile, tutti lo vogliono

Si moltiplicano da diversi mesi gli annunci di nuovi progetti che prevedono di ottimizzare Linux per dispositivi mobili.

All’inizio, in campo Open Source, c’erano solo Familiar, OpenZaurus e altri progetti simili, che ora stanno confluendo in OpenEmbedded, un repository di pacchetti per palmari basati su Linux, da cui è scaturito Angstrom. Poi è arrivato OpenMoko, immediatamente integrato in OpenEmbedded (OE), e quindi disponibile anche per Angstrom.

Parallelamente Montavista e Trolltech (con QTopia) cercavano di entrare dalla porta “commerciale” nello stesso mondo.

Di recente sembra che ci vogliano entrare tutti. Continue reading

Subnotebook: ritorno ai notebook veramente portatili

Finalmente il mercato dei notebook si sta riportando verso dimensioni e pesi da veri portatili.

Da qualche mese ho iniziato a usare veramente il mio Dell 8600 come un notebook, portandolo in giro (principalmente per masterizzare le partite di D&D), e mi sto rendendo conto di quanto poco sia portatile.

Dal ritorno dall’ultimo (e primo) viaggio in Giappone, inoltre, praticamente vivo assieme al mio nuovo Sharp Zaurus SL-C1000, debitamente potenziato (una SD da 4 Gb e una CF altrettanto grossa, quando non uso il Wifi su CF. Magari ne parlerò nei prossimi post). Il problema è che la tastiera è veramente piccola (mai come quella del suo predecessore, lo Zaurus SL-5500), quindi per la maggior parte del tempo lo uso per leggere e-books piuttosto che per scrivere, navigare o programmare.

Ho quindi iniziato a guardarmi intorno per vedere cosa ci sia in mezzo, e le alternative non mancano di certo, a partire dall’ormai prossimo…

Continue reading