Asus Eee 900: caratteristiche e disponibilità

Le ultime novità sul fronte Eee 900.

Asus Eee 900Da un paio di settimane non passa giorno senza un aggiornamento sullo stato del nuovo modello di Eee. Vediamo di fare un po’ il punto con le ultime informazioni dopo la presentazione ufficiale a Hong Kong di ieri e il test di PCMarket (da cui ho preso anche la foto).

Innanzitutto le caratteristiche. Sono finalmente state rese pubbliche ufficialmente. La CPU sarà la stessa del modello 701, ma il nuovo BIOS permetterà di scegliere tra powersave (630 MHz) e performance (900 MHz). Assieme alla possibilità di disattivare il WiFi e alla nuova batteria, che fornisce qualche mAh in più della precedente (5800 mAh contro 5200 mAh), dovrebbe aiutare a non perdere troppa autonomia, visto che il nuovo display consuma circa 1W più del 7″.

La memoria è, naturalmente, DDR2, e per entrambi i modelli (Linux e Windows) è di 1 GiB, mentre il “disco” SSD è di 12 GiB per la versione Windows e di 20 GiB per la versione Linux, probabilmente perché i due modelli hanno lo stesso prezzo, quindi la licenza di Windows “costa” come gli 8 GiB di differenza. Sarà divisa in due: 4 GiB sono saldati sulla scheda madre, e serviranno per il S.O., mentre gli altri 8 o 16 GiB sono su scheda miniPCIe, accessibile dal fondo del notebook, e quindi anche aggiornabile in futuro con tagli maggiori. Anche la RAM è accessibile dallo stesso slot, e può essere sostituita con SO-DIMM DDR2 standard da 2 o più GiB. Se il kernel è lo stesso della versione precedente, potrebbe non supportare più di 1 GiB di RAM, quindi andrà aggiornato o ricompilato.

La webcam integrata è stata sostituita, e ora si fregia di 1.3 MPixel (1280×1024), contro gli 0.3 (640×480) della precedente.

Altra novità, già anticipata, è il touchpad multitouch. I video apparsi in giro mostrano solo Windows XP che permette di fare lo zoom delle foto. Non si sa ancora che tipo di supporto avrà sotto Linux. Lo sviluppo del multitouch su X sta procedendo, ma non ne conosco lo status attuale. Sarebbe interessante, secondo me, implementare gestures con uno o più dita per eseguire le operazioni più comuni. Personalmente trovo i touchpad dei notebook veramente scomodi rispetto a un mouse. Un sistema di gestures che permetta di navigare velocemente nel desktop “easy” dell’Eee e di lanciare applicazioni senza muovere il puntatore potrebbe accelerare di molto le operazioni.

Il display, naturalmente, è 8.9″ da 1024×600. Fortunatamente non glare/ultrabrite/glossy o come lo chiamano.

Le altre caratteristiche rimangono immutate (3 porte USB, VGA, slot SDHC/MMC, jack cuffie/microfono e ethernet 10/100). Finalmente il case è stato modificato per non avere più il buco vuoto dove avrebbe dovuto esserci il plug per il modem (che non è presente). Le casse sono state spostate sul fondo, visto che ai lati del monitor non c’è più lo spazio necessario.

Le specifiche ufficiali non parlano di Bluetooth, che forse sarà riservato a particolari modelli o a particolari mercati.

Il prezzo “internazionale” non è ancora stato reso pubblico, ma ad Hong Kong è di circa 4000 $ di Hong Kong, cioè circa 513 $ americani. Se fosse vero, sarebbe solo 14 dollari più caro del precedente 701-8G, e potrebbe arrivare in Italia a 399 euro.

Per quanto riguarda le date di uscita non c’è nulla di ufficiale, ma secondo il forum di VR-Zone in Francia dovrebbe uscire domani, e in Italia e Germania a maggio. Non vedo l’ora!