Ultim’ora: Nokia compra Trolltech

Inaspettata come il proverbiale fulmine col sereno.

Non è ancora definitivo l’acquisto, ma Nokia ha stipulato un accordo con Trolltech per fare un’offerta di acquisto. L’acquisizione dovrebbe diventare definitiva, a meno di obiezioni da parte degli azionisti o di entità governative come antitrust o di controllo della Borsa.

Arriva completamente inaspettata, perché Nokia, finora, ha sempre usato il “concorrente” di Trolltech, Gtk+, per le sue interfacce (vedi quella della serie N770, N800 e N810), e secondo me può significare solo una cosa: vuole usare QTopia per portare anche la parte telefonica nei suoi tablet/MID.

Nokia vs Google

Nokia, lo ricordo, è rimasta fuori dalla Open Handset Alliance made in Google, mentre ne fanno parte i suoi rivali più pericolosi: Motorola, Samsung e LG, oltre ad HTC. Probabilmente non ha visto sviluppi abbastanza veloci dal fronte GPE Phone Edition o OpenEmbedded/OpenMoko, e ha preferito buttarsi su una tecnologia già matura come può essere quella QTopia Phone.

Per “noi Linuxari” questo significa anche che Linux sta conquistando sempre maggiori fette di mercato nel mobile, e che per fine anno potrebbero esserci parecchi dispositivi nuovi a contrastare Windows Mobile e Symbian (che è di Nokia, tra l’altro). PalmOS ormai è morto (purtroppo).

OpenMoko

Mi dispiace un po’ (preferisco le Gtk…) ma credo che ora OpenMoko avrà una vita ancora più dura, soprattutto perché non è ancora uscito nessun terminale per il pubblico. Rischia di trovarsiad uscire sul mercato contemporaneamente a colossi molto più grandi di lui. Se entro la fine di febbraio fosse disponibile il Freerunner potrebbe conquistarsi almeno una fetta di appassionati.

HTML5, pronta la working draft

Dopo alcuni mesi di discussione “informale” il W3C ha rilasciato la Working Draft di HTML 5.

La prima cosa che salta all’occhio (non ho ancora letto tutto il draft, e non penso lo leggerò mai, è lunghissimo!) è che finalmente hanno unificato la numerazione delle varie componenti. Quindi avremo HTML5, XHTML5 e DOM5 (invece di HTML 4.01, XHTML1.0, DOM3, ecc.).

Vi lascio il piacere della scoperta per vedere tutte le novità introdotte, ma se volete una scorciatoia, c’è un anche draft per le differenze con HTML4. Speriamo solo che questa draft rimanga tale il meno possibile. O almeno non tanto quanto sono rimaste draft quelle di CSS3.

Ma la cosa più interessante è che, pur non essendo ancora uno standard, HTML5 inizia già ad essere supportato da alcuni browser, e purtroppo la Microsoft ci mette lo zampino.

Per farla breve: si sono accorti che IE7 non rispetta gli standard benissimo, mentre vogliono rispettarli di più con IE8. Il problema è che molti utenti stanno scrivendo pagine per IE7 pensando che rispetti gli standard quando si specifica un DocType corretto. Una cosa del genere è già presente in IE6, che abilita lo “standards mode” specificando un DocType corretto, mentre va in “quirks mode” se il DocType è errato o mancante. Ma non rispettando totalmente gli standard, questo modo viene chiamato “almost standards mode”. IE7 li rispetta un po’ di più… possiamo definirlo “a little bit more almost standards mode”?. IE8 quindi avrà tre metodi di rendering delle pagine: quirks mode, almost standards mode, standards mode. Il problema è quindi come distinguere tra IE7 e IE8, che usano lo standards mode in modo diverso. Con un meta-tag, naturalmente!

Devo ancora raccapezzarmici, ma la mia opinione è che sia l’ennesima porcheria. In pratica verrebbe introdotto un meta-tag che specifica quale versione del browser viene richiesta per visualizzare una certa pagina:

<meta http-equiv="X-UA-Compatible" content="IE=8;FF=3;OtherUA=4">

Quindi se io scrivo un nuovo motore di rendering delle pagine devo andare a controllare cosa la gente ha messo (sempre che lo metta) in OtherUA, almeno finché il mio motore non sarà abbastanza famoso da meritare un tag apposito (notare che lì sopra manca Webkit, motore di Konqueror e Safari), oppure affidarmi alla compatibilità del mio motore con Firefox, e usare le sue versioni. E se l’utente non lo specifica?

Gli sviluppatori sono già abituati a usare un subset di HTML e CSS o a fare salti mortali (fortunatamente alleviati dalla presenza di commenti condizionali in IE) per far funzionare i siti su IE6, IE7, Firefox e Safari. Quelli che non lo facevano prima sicuramente non si ricorderanno nemmeno che esiste questo tag! Non era più semplice rispettare gli standard in IE8 e forzare l’upgrade appena esce, come stanno facendo con IE7? Con IE9 e Firefox4 dovranno tutti implementare almeno 4 o 5 modalità di rendering? I nostri browser supereranno finalmente la soglia dei 2 GiB occupati in memoria appena avviati?

Ai posteri l’ardua sentenza, diceva il saggio.

Rsync via SSH

Come sincronizzare dati tra due computer senza installare servizi sul server.

SSH continua a stupirmi ogni giorno. Sapevo che permetteva di trasferire file, tramite protocollo SFTP, come se si trattasse si un FTP (e con Nautilus si possono vedere i server remoti come fossero cartelle locali). Sapevo che ci si potesse forwardare X attraverso, anche se non ho ancora mai provato. Sapevo che ci si potevano fare tunnel generici. Ieri ho scoperto che lo si può usare come proxy SOCKS verso un proprio server, in modo da navigare “protetti” anche da reti pubbliche.

Oggi ho scoperto che lo si può usare direttamente da rsync senza bisogno di configurare nulla sul server. A patto di avere rsync installato sul server, naturalmente, ma non è necessario configurarlo in modalità daemon, né definire le “share” da esportare o le protezioni da attuare. Una porta aperta in meno! Vediamo come fare… Continue reading

Alternative al CAPTCHA

Lo SPAM imperversa sempre di più, e sempre più spesso gli spammer sfruttano i form dei siti.

Ormai la percentuale di SPAM nelle mail ricevute ha raggiunto il 90% e gli spammer, non contenti, da alcuni anni sfruttano anche i Blog e i CMS per impestare la rete con le loro schifezze.

Per quanto riguarda le mail è un continuo inseguimento: blacklist, filtri bayesiani, OCR sulle immagini, ecc. Ma anche i siti hanno dovuto rincorrere le continue innovazioni da parte degli spammer.

CAPTCHA

CAPTCHASono quindi nati i CAPTCHA di vario tipo, che si basano sulla (presunta) incapacità dei bot di spam di “leggere” il testo contenuto in un’immagine. Il sistema ha funzionato per un po’, finché i sistemi si sono evoluti e hanno iniziato a usare tecniche di OCR sui CAPTCHA stessi, facendone perdere efficacia: sono diventati via via più difficili da decodificare, ma anche per l’occhio umano oltre che per i bot.

Ne sono nati quindi nuovi tipi: dal CAPTCHA matematico (che potete ammirare nel form dei commenti di questo Blog :) ) a quello “sexy”, che si basa sulla capacità di una persona di distinguere un rappresentante bello del sesso opposto da uno brutto.

Purtroppo hanno tutti lo stesso problema: una persona con problemi di vista o qualcuno che naviga con browser testuali non li può utilizzare. Sono allora nati gli aiuti sonori ai CAPTCHA (che “pronunciano” le lettere nel CAPTCHA, per esempio), ma si scontrano col problema dell’audio sui siti: se l’utente sta ascoltando musica in sottofondo deve spegnerla, ascoltare il CAPTCHA, compilare il form, quindi riaccendere la musica

In un periodo in cui bisogna rendere la vita più semplice possibile all’utente, tutte queste complicazioni sono anacronistiche, e allontanano gli utenti.

Vediamo quindi alcune alternative, magari non perfette, ma con una buona percentuale di sicurezza. Continue reading

Apple: fine della pacchia?

Ieri Apple ha aperto il MacWorld presentando il MacBook Air. E ha deluso molte aspettative.

Il nuovo gingillo di casa Apple non può certo essere considerato spazzatura. Monta un Core 2 Duo da 1.6 o da 1.8 Ghz, appositamente progettato e realizzato da Intel per questo modello, 2 GiB di RAM DDR2 a 667 MHz, 80 GB di disco (da 1.8″, per risparmiare spazio) anche se a 4200 giri, e un bel monitor widescreen a 1280×800, scheda WiFi N e Bluetooth 2.1, webcam sopra il monitor. Porta esterna microDVI e alimentazione. Quasi dimenticavo: il touchpad multi-touch.

Purtroppo è tutto qui. Non c’è il lettore/masterizzatore DVD (comprensibile per un thin notebook), ma quello che è peggio è che non è quasi per niente espandibile. Audio in mono, con un jack per le cuffie. Niente microfono, nemmeno tramite jack. Niente firewire, quindi niente montaggio video direttamente dalle telecamere digitali, che era uno dei cavalli di battaglia Apple. Niente lettori di schede. Niente slot PCMCIA. Una sola porta USB2. Per collegarlo a qualsiasi monitor in giro serve come minimo un adattatore microDVI-DVI o microDVI-VGA. Non si può nemmeno cambiarsi da soli la batteria o espandere la RAM o il disco, perché è tutto sigillato iPhone-style.

OK, ci si può portare dietro un hub USB, magari un mouse USB o Bluetooth, magari un adattatore USB-Ethernet, magari il lettore DVD USB, magari il microfono USB o lo skypephone USB. Notebook sottilissimo e borsone di accessori in spalla… Ma allora a cosa serve? Continue reading

PHP, CGI, APC

Oggi stavo cercando di abilitare APC in locale (prima di metterlo sul server) per due motivi: migliorare le prestazioni di PHP e abilitare la possibilità di monitorare gli upload via AJAX.

Purtroppo ho scoperto sulla mia pelle che APC non serve a niente se si usa PHP via CGI, perché tiene tutte le pagine precompilate in shared memory, che naturalmente viene liberata alla fine di ogni processo CGI.

Quindi se state usando PHP come CGI, lasciate perdere APC. eAccelerator funziona, perché salva i precompilati su disco oltre che in RAM, ma non supporta (che io sappia) il monitoraggio degli upload.

Dovrò decidermi prima o poi a passare PHP4 in CGI e promuovere PHP5 a modulo di Apache, ma servirà un po’ di tempo per verificare che funzioni tutto senza problemi.

Carrellata di novità dal CES

Buona parte delle novità presentate erano attese, altre sono semplici evoluzioni di tecnologie già note, ma ci sono anche cose molto interessanti.

Come promesso, eccomi a presentare una (prima?) carrellata di quello che è stato presentato al CES. Naturalmente un occhio di riguardo va a tutti quei prodotti che inglobano Linux in qualche modo, e sono tanti. Ma ci sono anche alcune cosine interessanti che ho notato seguendo i vari blog tecnologici. Continue reading

Andiamo tutti al CES!

Da lunedì apre l’importante fiera dell’elettronica e dell’informatica in USA. Molti gli annunci attesi.

Sembra che in Italia stia per esplodere l’influenza. A fine gennaio ci sarà il picco, dicono. Spero che il titolo del post non faccia pensare ad eventuali effetti collaterali in attesa per i poveri malati. Se è la stessa che sto passando io da 3 giorni non lo è, tranquilli! :)

Ma veniamo alle cose importanti. La fiera apre lunedì, ma molti produttori stanno anticipando gli annunci in modo da creare il necessario hype. Naturalmente, lavoro permettendo, seguirò da vicino i vari annunci attraverso più siti possibile.

Apple

Per ora si vocifera (da mesi, ormai) di un nuovo subnotebook della Apple, con schermo inferiore ai 13″ (si parla di 11 o 12″). Alcuni, speculando sull’annuncio dato tempo fa da Asus riguardo un aiuto ad Apple nella realizzazione di un tablet, hanno ipotizzato che venga usato come base l’Eee. Io credo proprio di no, a meno di cambiare buona parte dell’architettura e mantenere solo il case. Anche il prezzo sarà sicuramente diverso. Se è un subnotebook come gli altri in quella fascia di peso e dimensioni, io ipotizzo 1400-1600 dollari/euro per il modello base. Chi vivrà vedrà.

Asus

Per quanto riguarda ciò che interessa a me (Linux-based ;) ) girano sempre più insistenti le voci riguardo un “Eee v2.0”. Alcuni parlano di schermo più grande (da 8″ o 9″, vedete l’altro mio post al riguardo), altri di CPU più potenti e di flash drive più capienti. Altri ancora ipotizzano che si tratti della versione desktop dell’Eee. Si mormora anche di WiMax integrato, per via di un comunicato della Asus molto stringato.
Le mie previsioni: ci saranno entrambi. Per il desktop non mi sbilancio troppo troppo, ma prevedo una CPU intorno a 1.2 GHz, 512-1024 Mb di RAM, HD (normale) da 40-60 Gb e prezzo intorno ai 250 dollari. Per il notebook prevedo schermo da 8.9″ da 1024×600, 1 Gb di RAM, 8 e 16 Gb di flash. La CPU probabilmente resterà la stessa o verrà sostituita da un Pentium M (i Celeron M usati ora dovrebbero essere fuori produzione). Prezzo per la versione da 8 Gb: 550-600 $. Uscita: Aprile 2008. Vedremo quante ne ho imbroccate.

OpenMoko

Imprevisti movimenti, invece, intorno a OpenMoko! Sono stati già annunciati un navigatore GPS basato su OpenMoko marchiato Dash (ma con il software di navigazione closedsource) e il prossimo modello della FIC, che si chiamerà Freerunner (invece di Neo1973, che a questo punto non uscirà più in versione retail). Il nuovo modello dovrebbe avere CPU a 500 MHz, GPS, 3D hardware, WiFi e accelerometri (sensori di movimento), oltre al triband.

Da qualche mese c’era un po’ di silenzio nelle mailing list di OpenEmbedded da parte degli sviluppatori OpenMoko, e la specie di freeze cui è arrivato Angstrom avrebbero dovuto insospettirmi. Insomma, sembra che il software sia abbastanza stabile.

Altri

L’arrivo dell’Eee (e i prezzi abbastanza alti) hanno contribuito a far parlare poco dei subnotebook della kohjinsha, ma sembra che anche loro si stiano rinnovando. Ne verranno presentati i nuovi modelli con schermo da 1024×600 (ecco dove ho preso la previsione per l’Eee ;) )

E-Lead ha già annunciato il suo Noahpad. Diverse le caratteristiche interessanti: il display si apre di 360 gradi (trovandosi con la tastiera sul retro) per diventare tablet, la CPU è la Eden a 1 GHz già conosciuta per le Epia, 512 Mb di RAM e 30 Gb di disco (normale, non flash). Caratteristica bizzarra: la tastiera è “spezzata” in due, ed è a tocco, non meccanica. In pratica sono due grossi touchpad che credo diventino normali touchpad quando lo schermo è completamente reclinato (visto che non si vedono i tasti, e non si possono nemmeno sentire). Ubuntu 7.10 powered.
Sembra che la Celio voglia provare a battere la strada del Palm Foleo presentando uno “smartphone companion“. In pratica una docking station a forma di notebook per i cellulari, in modo da avere schermo e tastiera più usabili. Personalmente sono abbastanza pessimista sul settore. Pago già 6-800 euro di cellulare, ne devo pagare altri 5-600 per avere una tastiera e un monitor? A questo punto molto meglio un notebook completo (e abbiamo visto che ce ne sono e ne stanno arrivando altri).

Mi fermo qui. Doveva essere un post molto più corto, con solo degli assaggi, e invece mi sono lasciato prendere la mano. La prossima settimana ne vedremo delle belle.

I buoni propositi per il 2008

Buon 2008 a tutti!

Dopo il post per gli auguri di Natale sicuramente non ve ne aspettavate uno per gli auguri di buon anno, vero? :)

Voevo postarlo poco dopo mezzanotte, ma la baldoria prima e la stanchezza poi mi hanno fatto desistere. Non credo sareste comunque stati lì a quell’ora a leggerlo, quindi non penso vi cambi molto la vita. ;)

Siccome a capodanno si elencano i buoni propositi per l’anno che sta arrivando, ho pensato di raccogliere qui i miei. Magari qualcuno è d’ispirazione anche per voi. Sono in ordine sparso, man mano che mi vengono in mente. Continue reading